Sono un Surfer Digitale

Quando sono nato l'onda tecnologia ha iniziato ad invadere la quotidianità fino ad arrivare ai giorni nostri. Quindi o la cavalchi come un surfer o ti fai spazzare... io ho preferito la prima scelta. Già da bambino ero uno smanettone sulla mitica Amiga 500 ed ho un ricordo felice di questo… anche perché molto probabilmente  il mio approccio positivo con la tecnologia è dovuto proprio ad essere cresciuto con pane e computer.

Non amo definirmi "esperto" digitale. Credo sia più corretto dire che sono un Nerd. Mi piace sperimentare e conoscere le tecnologie e lavoro nel campo da più di 15 anni, ma questo settore è sempre e costantemente in cambiamento ed è difficile potersi affermare come il competente di ogni novità. Per questo motivo mi piace molto la metafora del surfer digitale.

Il surfer è un temerario che affronta con la sua tavola la forza della natura per domarla.

Non si può sempre essere pronti ad affrontare ogni ondata, ma è anche vero che si può essere pronti a rialzarsi e prepararsi a quella successiva.

Nel mondo digitale le cose non sono poi molto diverse. Si cavalcano e affrontano ondate di costanti novità, alcune sono divertenti, altre durano un po' meno, l'importante è non perdere mai l'entusiasmo e la voglia di essere sempre pronti.

 

Perchè ho un sito col mio nome?

C'è stato un tempo in cui avere un telefono cellulare era da ricchi imprenditori. I computer erano usati da ingeneri e negli uffici si usavano macchine da scrivere. Oggi chiunque ha nelle proprie tasche uno smarthphone. Abbiamo tra le mani una tecnologia superiore a quella che ha spedito l'uomo sulla luna. Quindi il mondo tecnologico, oggi definito digitale ha avuto una espansione esponenziale. Inizialmente era proibitivo, per i suoi costi e la sua complessità. In poco tempo è diventato accessibile e utilizzabile da tutti. Con l'aiuto della moda e delle tendenze si è diffusa fino ad essere applicata in più settori. Non è più utilizzata soltanto in ambito informatico. Oggi tutti usano la tecnologia digitale. Ogni giorno.

Avere un Blog... un Personal-Blog non è poi così inusuale. E' alla portata di tutti. Non costa più una follia mantenere un sito e lo si può chiamare in qualsiasi modo, anche con il proprio nome. Non è più necessario essere esperti di programmazione. Per crearne uno, ci sono svariate soluzioni già pronte. Si raggiungono risultati eccellenti, senza avere troppe pretese con una serie di click. Il metodo per personalizzarli lo si acquisisce col tempo.

Bisogna solo scriverne i contenuti... esattamente bisogna solo avere qualcosa da raccontare.

Che sia per questo motivo che è piuttosto insolito avere un proprio sito? Questo è il mio Blog personale. Il posto dove posso creare ed elaborare contenuti. Dove posso raccontarli pubblicamente, come tutti noi abbiamo la possibilità di fare.

Il mio inserimento nel Web

Ho iniziato la mia vita lavorativa come dipendente. Lavorando con passione e attaccamento. Per svariati motivi ho dovuto cambiare lavoro in più occasioni. In ogni nuovo colloquio di lavoro era sempre più difficile dimostrare le mie competenze. Nonostante il mio Curriculum Vitae migliorasse. Ogni volta mi rendevo conto che non avevo alcun mezzo per dimostrare il mio reale valore. Solo chi già mi conosceva aveva piena fiducia di me.
Il Blog è diventato lo strumento per raccogliere ed esporre tutte le mie esperienze. E' indubbiamente qualcosa di qualitativamente migliore di un elenco di referenze scritte. Inoltre è più su misura di un profilo social.
C'è un'altro vantaggio enorme è uno spazio totalmente versatile. Permette di trattare più argomenti, tutto quello che mi appassiona. Poter mescolare i propri interessi e il proprio lavoro è una cosa che mi ha sempre affascinato. In un contesto lavorativo tradizionale non è sempre possibile farlo. Non sempre si ha la fortuna di trovare aziende elastiche e disposte ad uscire dagli schemi. Pertanto la mia avventura nel web è iniziata soprattutto per questo. Man a mano che proseguo lungo il percorso, mi rendo conto di quante opportunità si possono scoprire.
 
La libertà di un Blog mi ha fatto scoprire un nuovo orizzonte. Un lungo cammino nella grande autostrada della rete. Come dico sempre, chiunque può farlo... bisogna avere solo qualcosa da raccontare.

E ora qualcosa di completamente diverso ... su di me.